Rispondiamo al quesito di un nostro lettore che ci chiedi dei rimedi per risolvere il problema della condensa sui vetri dei suoi serramenti. Vediamo nel dettaglio la domanda:

Nel mio nuovo appartamento, finito da circa un anno, sono montati dei serramenti ad alto isolamento (così mi dice il costruttore!) in PVC. In questi mesi noto che spesso si forma condensa sui vetri e c’è già qualche traccia di muffa su alcuni punti delle pareti. Cosa posso fare?

La condensa è un fenomeno naturale collegato all’evaporazione dell’acqua presente nell’aria. A temperature elevate, l’aria assorbe il vapore acqueo fino alla saturazione e aumenta il suo volume. Raffreddandosi, l’aria espelle il vapore che, a contatto con una superficie più fredda, si condensa trasformandosi in gocce d’acqua.

I fenomeni di condensa, vista la struttura delle moderne abitazioni, sono sempre più comuni. Questo è legato a due fattori: quantità d’acqua presente nell’aria e temperatura.

Un metro cubo d’aria, ad esempio, può contenere alla temperatura di zero gradi un massimo di 4 grammi di acqua. A temperatura di venti gradi ne contiene 15.

Il motivo per cui la condensa appare principalmente sulle vetrate delle finestre dipende dal fatto che queste hanno una temperatura più bassa rispetto a quella della stanza.

In un’abitazione l’umidità ha origini diverse. Una famiglia media genera infatti circa 15 litri di acqua al giorno che vengono prodotti in cucina, nelle stanze da bagno, dalle persone stesse, dai vestiti ecc.
Nella case di nuova costruzione, inoltre, il problema della condensa è accentuato dal fatto che i muri contengono un’elevata umidità: per eliminarla è necessario un periodo molto lungo di riscaldamento costante.

I fattori che determinano la formazione della condensa sono:

– Condizioni climatiche (interne ed esterne)
– Condizioni abitative (numero di persone, piante, bagni, ecc.)
– Altre condizioni (intonaci, ecc.)
Ci sono alcuni accorgimenti per prevenire la formazione della condensa: se possibile, non asciugare la biancheria all’interno della casa se non con un cambio d’aria sufficiente (finestre, aspiratori, deumidificatori, ecc.); chiudere le porte mentre si cucina o si fa la doccia; limitare il numero di piante nella stanza.

I rimedi tecnici per prevenire la formazione della condensa:

– Mantenere il giusto equilibrio tra temperatura e umidità relativa (20°C all’interno con umidità non superiore al 45%).

– Ventilare frequentemente in modo da sostituire l’aria interna ricca di vapore con quella esterna povera di vapore.

– Posizionare correttamente i termosifoni in modo che il calore lambisca l’intera superficie vetrata.

– Ridurre la trasmittanza termica della finestra per mezzo di vetrate funzionali o protezioni per esterno.

1 commento su “Serramenti e condensa sui vetri: quali rimedi?”

  1. Il problema principale è che dopo aver intonacato e tinteggiato le pareti e realizzato massetti per la posa die pavimenti bisognerebbe lasciare l’appartamento ad asciugare per almeno 6 mesi, ma questo non è sempre possibile,l’unico rimedio è di arieggiare frequentementre aprendo tutti gli infissi per 8/10 minuti almeno tre volte al giorno (Al mattino, nel primo pomeriggio e alla sera. A casa mia così ho risolto i problemi di condensa e di muffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *