Categoria: Arredamento

Trasformare l’attico in un giardino

attico giardino

Alzando gli occhi al cielo spesso è possibile notare al vertice delle innumerevoli torri che ricoprono le nostre città degli spazi verdi che affiorano, quasi nascosti, tra le alte mura, ma che fanno parte completamente del tessuto urbano. La tendenza momentanea è di trasformare l’attico, ultimo piano di un edificio, in un luogo verde, un open space idilliaco dal cuore verde, che si emargina dal dinamismo e dall’irrequietezza della vita quotidiana metropolitana.

Grandi superfici verticali vetrate, indice di forte luminosità, libertà di spazio e movimento, una percezione di leggerezza e trasparenza, dialogano perfettamente con il suggestivo paesaggio esterno di un’unità abitativa. Questi luoghi sono spesso dotati di una veranda esterna, da utilizzare anche tutto l’anno, che offre una vista panoramica che dà ancora più prestigio e funzionalità al luogo, utilizzando il legno come materiale dominante della soluzione costruttiva.

Inoltre la realizzazione di un vero e proprio giardino denota un ambiente intimo che fluisce all’interno dell’ambiente domestico, e contemporaneamente si proietta verso la percezione della città esterna. Un’area verde posta all’ultimo piano di un edificio richiede accorgimenti e soluzioni tecnologiche e il rispetto di precisi vincoli legislativi: se da una parte la creazione di un autentico ecosistema può proteggere dal vento e la privacy degli inquilini, dall’altra richiede una valutazione accurata, poiché la vegetazione deve essere scelta in funzione del peso, della possibilità di irrigazione e della profondità del substrato disponibile alla piantumazione.

Accorgimenti per realizzare l’attico giardino

Inizialmente è prevista l’impermeabilizzazione del suolo e l’installazione di un impianto delle acque che permetta alle acque meteoritiche di defluire; in seguito la posa dello strato verde, il quale potrebbe essere di erba sintetica su modello inglese, e di uno strato in polietilene resistente ai raggi ultravioletti. Non va dimenticato che questo spazio è a tutti gli effetti la copertura di un edificio, perciò la posizione di piante e specie vegetali deve essere precisamente pensata e accertata.
Spesso l’uso di ampi vasi e contenitori comporta un peso non indifferente; è quindi necessario considerare che solitamente la portata di un terrazzo non supera i 200 kg/mq, e garantire una distribuzione ragionevole, esaminando quali sono le aree in aggetto e quelle portanti dell’intero edificio.
Per assicurare un ambiente fruibile ed accogliente tutto l’anno è consigliabile la sistemazione di bordure di arbusti sempreverdi, piante erbacee di piccole dimensioni con fioritura da primavera ad autunno, e alberelli caducifogli che contrastano l’unicità del verde con i colori differenti del loro fogliame. Per di più l’uso del legno è apprezzabile sia nella pavimentazione, intervallata da corpi illuminanti inseriti a terra, che nella possibile collocazione di un pergolato o veranda che affaccia sul giardino. In questo modo ogni spazio esterno vive in continuità con quello interno, creando un luogo intimo e riservato che si sviluppa quasi più fuori che dentro, dove potersi rifugiare lontano dalla realtà caotica dei nostri giorni.

Arredare la cameretta del neonato

arredare la cameretta

Uno dei momenti più emozionanti nella vita di una persona è quando si aspettano un bambino. Oltre alle ovvie esigenze come la culla, il vestiario, l’alimentazione, ecc., la pianificazione dell’arredamento della cameretta richiede molto tempo e bisogna anticipare le decisioni e organizzarsi per tempo.

Se hai deciso di trasformare una stanza esistente in una cameretta per bambino, devi assicurarti di seguire le regole base:

  • E’ un ambiente ben ventilato e isolato dalle temperature più rigide?
  • Tutti i cablaggi elettrici sono stati controllati di recente e aggiornati se necessario?
  • Sono stati installati allarmi antifumo?

Una volta che tutto questo è stato preso in considerazione, puoi iniziare la parte migliore: decorare e arredare la cameretta del bimbo. Se è il tuo primo figlio, è più probabile che tu voglia mobili nuovi di zecca, ma non scartare a priori la scelta di mobili usati o riciclati/recuperati. Forse una culla che era tua da bambino può essere utilizzata per il tuo bambino e recuperata per portare avanti una tradizione di famiglia. Dopo aver controllato e deciso le sedie a dondolo, i comò e il fasciatoio, è tempo di considerare quale tipo di culla è più adatta alle tue esigenze.

Naturalmente ci sono cose da considerare con cura, come ad esempio lo spazio tra le sbarre, la presenza di paraurti per proteggere adeguatamente il tuo bambino.
Altre cose da tenere in considerazione per la scelta della culla è la presenza di un materasso regolabile per continuare a proteggere il tuo bambino durante le fasi di crescita.

Esistono ad esempio anche delle culle con cassetti integrati o con altezza e grandezza regolabile, in modo da sfruttarla per i primi mesi o anni in tutte le fasi di sviluppo del neonato. Le culle più moderne dispongono di molle a materasso regolabile a vari livelli per adattarsi alla crescita e alle esigenze del bambino.

Come diventare arredatrice d’interni

Arredatrice d'interni

Avete deciso di diventare arredatrice di interni ma non sapete da che parte iniziare?

Coloro che vogliono intraprendere questa carriera devono sapere quali sono i passaggi necessari da compiere per riuscire a sfondare in questo settore. L’arredatore di interni è una figura professionale molto ricercata ed è colui o colei che si occupa della cura della casa, aiutando nella ristrutturazione, in modo tale da riuscire a utilizzare lo spazio a disposizione nella maniera opportuna e seguendo lo stile che è tipico della propria personalità. Per diventare arredatrice d’interni bisogna avere una conoscenza approfondita della gestione dello spazio, dei materiali, dei tessuti e di quelle che sono le principali tendenze del settore dell’arredamento in particolare, ma in generale bisogna avere una vena artistica.

I primi passi per diventare arredatore d’interni

Per diventare arredatrice d’interni bisogna dimostrare di conoscere bene quali sono i materiali con cui si può lavorare e quali sono le tendenze in cui questi materiali possono inserirsi. Nella professione di arredatore non è necessario avere una laurea quanto piuttosto frequentare dei corsi di formazione specifici che riguardano il settore dell’arredamento.
Arredatrice d'interni
È importante però riferirsi a istituti di formazione che riescano a garantirvi una certificazione riconosciuta almeno a livello europeo. Sarà importante in più, tenersi sempre aggiornati magari anche con l’aiuto della rete oppure di istituti professionali per non restare indietro e garantirsi qualunque tipo di informazione circa i differenti tipi di progetti esistenti. Il corso di formazione per arredatore può essere di diverso tipo ed è possibile seguirlo sia online che in una sede fisica. Ne esistono numerosissimi nelle principali città come Firenze, Roma, Bari, Napoli e non solo.

E’ anche molto importante però fare molta pratica in quanto questo settore vi aiuterà a capire molto più di quello che state facendo, proprio sul campo. Infatti l’arredatore di interni deve essere molto bravo a realizzare decorazioni e soprattutto dovrà vedere di persona e seguire le sensazioni visive quelli che sono gli abbinamenti più opportuni ed azzeccati.

Come trovare clienti per un arredatore d’interni

Per diventare arredatrice d’interni bisogna avere innanzitutto dei clienti che gli commissionano dei lavori da eseguire. Per trovare dei clienti ci sono diversi modi da seguire e bisognerà avvalersi di siti specializzati del settore oppure di riviste nell’ambito del design che potranno promuoverli e allo stesso tempo aiutarvi a muovere i primi passi nel mondo del design.

Potrebbe anche essere utile realizzare un sito web che vi garantisca in maniera opportuna uno spazio visivo in cui mostrare i vostri progetti, le cose che avete già realizzato e quelle che magari sono le vostre idee di stile relativamente alle impostazioni di uno spazio in un appartamento.

Per diventare arredatrice d’interni, inoltre un altro consiglio è quello di promuovere se stessi anche attraverso i social perché sarà poi la professionalità a fare la differenza ma riuscirete ad arrivare ad un numero sempre maggiore di persone e quindi avete più possibilità di accaparrare un numero crescente di clienti giorno dopo giorno.

Arredamento di lusso moderno

Arredamento di lusso moderno

L’arredamento di lusso può essere letto in chiave classica oppure moderna, ma la cosa ideale è riuscire a fare in modo sempre che la soluzione riesca ad essere alla portata del vostro budget ma soprattutto che rispecchi un preciso stile che possa inquadrare il vostro appartamento di lusso. Scegliere il giusto arredo di lusso significa anche avere delle esigenze particolari e capire la qualità degli elementi e saperla distinguere soprattutto, andando a verificare che ogni finitura sia sempre molto ricercata e allo stesso tempo lo sguardo di insieme sia soddisfacente.
Negli appartamenti e nelle ville di lusso, riuscire a coniugare la bellezza tecnica e artistica dei propri spazi è importantissimo, ma bisognerà sempre fare in modo che questa sintesi rispecchi anche un giusto stile e diventi per voi un ambiente confortevole. Dovrete viverci, quindi vale la pena fare le scelte che maggiormente siano rappresentative della vostra personalità.

Le ultime tendenze dell’arredamento di lusso

Le ultime tendenze dell’arredamento di lusso sono in chiave moderna. Infatti, bisognerà non guardare al passato quanto piuttosto cercare dei materiali che siano quanto più naturali possibili e rispecchino il mondo rurale e minimal.
Le ultime tendenze hanno portato in luce soprattutto il rame, come un metallo prezioso che è in grado di abbellire gli spazi anche più essenziali. In più tra le soluzioni di arredo che si sposano meglio con lo stile in chiave moderna, c’è quella di realizzare delle pareti scure alternando invece mobilia chiara con materiali come il marmo e legno laccato o spazzolato con la rinascita dello stile shabby chic. In più, nell’abbinamento dei colori non può mancare un tocco di tinta che può essere alternato tra viola, verde e blu marino.
In realtà, quello che domina sempre in un design di tipo moderno è il bianco con l’alternanza del nero e del grigio. In alcuni casi, potrebbe essere consigliato di optare per i colori per quanto concerne le pareti ma, in realtà nell’ arredo di lusso di tipo moderno la scelta migliore resta sempre quella di non riempire la stanza di troppi oggetti quanto piuttosto rispondere alla detto “Less is better”.

L’importanza degli spazi per l’arredo di lusso

Lo stile d’arredo moderno deve essere sempre ispirato a quelli che sono i cambiamenti stilistici che si rifanno l’ultimo secolo del mondo dell’interior design. Una delle regole chiave è sempre quella di rispettare la praticità di ogni spazio rendendo le linee molto più irregolari ma allo stesso tempo morbide e con particolare attenzione al mondo della tecnologia.
Lo stile moderno in più deve rispondere anche alla bellezza visiva dei colori attraverso dei wall paper oppure degli ambienti in cui la natura potrebbe diventare protagonista con degli angoli dedicati. L’arredamento in stile moderno deve essere anche ricco di spazi aperti e di luce, attraverso delle grandi finestre o dei punti luce con i piccoli angoli arricchiti con lampade.
Nell’ultimo periodo sono tornati anche molto di moda i faretti a led che vengono utilizzati per rendere più elegante uno spazio di intermezzo, come ad esempio un disimpegno oppure l’ingresso stesso della vostra villa di lusso.

Arredo d’interni: soluzioni per ville e case moderne

Arredare Villa Moderna

Riuscire ad arredare la propria casa in stile moderno e dotarla di ogni comfort è il metodo ideale per ottenere un arredo perfetto, funzionale e affascinante sia da un punto di vista estetico sia pratico. L’idea delle case moderne influenza molto le nostre scelte in quanto va sempre più di moda, cercare di rendere l’ambiente il più pulito possibile e basta un tocco di creatività per rendere lo stile ancora più intrigante. La case moderna che si rispetti avrà degli ambienti interni particolarmente proporzionati e spazi aperti, privi di barriere. Gli esperti di arredamento devono studiare le caratteristiche dell’area e poi con l’aiuto di un architetto, bisognerà capire se la casa deve essere costruita con uno stile tendenzialmente ligneo, bianco o total black. In realtà sono tantissime le scelte possibili.

Come allestire le stanze di una casa moderna

Una delle stanze in cui si può giocare di più con la fantasia è proprio la zona living che è quella in cui si trascorre più tempo. Infatti nella fase di progettazione la soluzione è sempre quella di creare uno spazio luminoso con delle aperture ampie ed elementi divisori in vetro, muri divisori bassi o ridotti veramente ai minimi termini. Lo zona living deve essere realizzata con degli ambienti comunicanti magari con una divisione data da porte scorrevoli, meglio se dotate di ampie vetrate. In più le forme maggiormente utilizzate sono quelle schematiche e quindi cubi e monoliti ma, sempre di più nell’ultimo periodo, sta tornando di moda la linea curva, anche se viene scelta maggiormente nel complemento d’ arredo che come elemento decorativo in sé.

Arredare le case moderne con stile ed eleganza

Per arredare la casa in maniera moderna senza però attentare al proprio portafogli, potrebbe essere utile cercare di inserire nell’ambiente degli occasionali pezzi di antiquariato e che potrebbero essere utili per il riuso. Ma, la cosa importante è gestire bene l‘equilibrio di colori e stili differenti.
Una delle sfide principali per coloro che vogliono arredare in maniera moderna una casa è coordinare bene gli spazi e cercare di rendere tutto minimal. Infatti lo stile moderno prevede di tagliare il superfluo e da un punto di vista funzionale e stilistico, la scelta ideale resta sempre quella di non inserire in uno spazio troppi mobili ma piuttosto rendere un ambiente un po’ più vuoto, meno ridondante e più ricco di finestre o di aperture che affacciano su altre stanze.

Rendering Salotto Villa

L’arredamento moderno inoltre, prevede la presenza di tante mensole che vengono spesso realizzate con materiali leggeri come il vetro e anche la presenza di lampade che servono a creare dei piccoli spazi di privacy in un ambiente unico e più o meno grande.

Un’altra scelta importante riguarda la suddivisione da fare all’interno della casa tra ingresso e area living che deve essere sempre netta però magari intervallata con delle piante o delle vetrate. Soltanto rispettando queste regole si riuscirà ad ottenere uno stile ideale per rendere la propria vita e la propria casa davvero bella e funzionale e soprattutto arredata in chiave moderna.